Legge di bilancio 2018: modalità di verifica dei requisiti per lo sgravio per assunzioni a tempo indeterminato

Come vengono verificati i requisiti?

Come indicato nella ns. precedente comunicazione, l’agevolazione contributiva prevista dalla legge di bilancio 2018 in caso di assunzione o trasformazione a tempo indeterminato di giovani spetta solo se il lavoratore non abbia già avuto in precedenza e presso qualsiasi datore di lavoro, in Italia o all’estero, rapporti di lavoro a tempo indeterminato. Inoltre, il datore di lavoro che assume a tempo indeterminato un lavoratore che abbia già avuto un rapporto di lavoro agevolato continua a fruire del beneficio contributivo in esame per il periodo residuo sino alla durata complessiva di 36 mesi.

Allo scopo di facilitare le verifiche in ordine al possesso dei requisiti indicati, l’Inps ha messo a disposizione una utility che consente ai datori di lavoro ed ai loro intermediari previdenziali di acquisire le informazioni in ordine allo svolgimento di rapporti di lavoro a tempo indeterminato da parte dei soggetti da assumere. Inoltre, laddove si tratti di lavoratore già assunto con l’agevolazione di cui alla legge di bilancio 2018, l’applicativo fornisce evidenza al datore di lavoro che si accinge ad assumere dei periodi residui per la fruizione della restante agevolazione.

Tuttavia, il riscontro fornito dall’utility, come chiarito nella Circolare Inps n. 40/2018, non ha valore certificativo, dal momento che:

  • possono sussistere rapporti di lavoro a tempo indeterminato registrati presso gestioni previdenziali di altri Paesi, non presenti negli archivi Inps
  • in taluni settori della pubblica amministrazione si possono registrare carenze di informazioni anche per periodi di durata rilevante
  • i dati relativi alle comunicazioni obbligatorie provenienti dal Ministero del Lavoro non sono aggiornati in tempo reale

Pertanto, seppure l’Istituto indichi ai datori di lavoro, nonostante l’acquisizione delle informazioni dall’utility, di continuare ad acquisire la dichiarazione dei lavoratori in ordine alla sussistenza di precedenti rapporti di lavoro a tempo indeterminato, il metodo più sicuro per ottenere un’informazione certa è la consegna da parte del lavoratore del certificato storico (percorso lavoratore) rilasciato dal Centro per l’Impiego competente, dal quale è possibile evincere la sussistenza dei requisiti richiesti per l’applicazione dello sgravio contributivo in argomento.

 

Se sei un cliente Hunext trovi altri approfondimenti nell'area riservata