Con la circolare n. 24/20214, l’INPS ha fornito i primi chiarimenti in merito all’esonero contributivo alternativo ai trattamenti di integrazione salariale, fruibile entro il 31 gennaio 2021, di cui al D.L. n. 137/2020, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 176/2020, n. 176.

È necessario precisare che l’esonero non è ancora operativo in quanto subordinato all’autorizzazione della Commissione europea. Solo dopo che verrà pubblicato l’esito dell’autorizzazione della Commissione europea, l’INPS emanerà le istruzioni per la fruizione del beneficio.

DATORI DI LAVORO DESTINATARI DELL’ESONERO

In considerazione del fatto che l’esonero può essere goduto dai soli datori di lavoro cha abbiano fruito dei trattamenti di integrazione salariale nel mese di giugno 2020 e che non richiedono i nuovi trattamenti di integrazione salariale di cui al D.L. n. 137/2020 (quindi l’esonero è alternativo ai trattamenti di integrazione salariale), al fine di identificare i datori di lavoro privati che possono accedere alla misura, è necessario accertare se gli stessi possano considerarsi potenzialmente beneficiari delle sei settimane di integrazione salariale previste dal D.L. n. 137/2020 medesimo.

Pertanto, l’esonero contributivo può essere riconosciuto ai seguenti datori di lavoro privati che abbiano utilizzato i trattamenti di integrazione salariale nel mese di giugno 2020:

  • soggetti ai quali sia stato già interamente autorizzato l’ulteriore periodo di nove settimane di cui al D.L. n. 104/2020 (D.L. agosto), convertito, con modificazioni, dalla L. n. 126/2020, decorso il periodo autorizzato;
  • soggetti appartenenti ai settori interessati dal D.P.C.M. del 24 ottobre 2020.

Si sottolinea, inoltre, che letteralmente la norma prevede che la nuova agevolazione contributiva non può trovare applicazione:

  • per i datori di lavoro che abbiano fruito dell’analogo esonero di al D.L. n. 104/2020 (ad eccezione dei datori di lavoro che effettuino una rinuncia al beneficio residuo o che siano appartenenti ai settori interessati dal D.P.C.M. del 24 ottobre 2020)
  • per i datori di lavoro che non abbiano fruito dei trattamenti di integrazione salariale di cui al D.L. n. 104/2020, sempre ad eccezione dei datori di lavoro appartenenti ai settori identificati dal interessati dal D.P.C.M. del 24 ottobre 2020

Relativamente al requisito della fruizione nel mese di giugno 2020 degli interventi di integrazione salariale, il requisito deve essere verificato sulle singole posizioni aziendali (matricole INPS).

In sostanza, la previsione normativa individua nel datore di lavoro (identificato sulla base della matricola INPS) che ha fruito degli ammortizzatori nel mese di giugno 2020 il soggetto beneficiario e destinatario dell’esonero, indipendentemente dalla circostanza che i lavoratori in forza nei mesi di effettiva fruizione dell’esonero siano i medesimi lavoratori in forza in occasione della fruizione degli ammortizzatori sociali nel mese di giugno 2020.

Il carattere alternativo dell’esonero rispetto ai trattamenti di integrazione salariale implica che, qualora il datore di lavoro decida di accedere all’esonero in trattazione, non potrà avvalersi, nella medesima unità produttiva, fino al 31 gennaio 2021, di eventuali ulteriori trattamenti di integrazione salariale collegati all’emergenza da COVID-19 per la durata di 6 settimane nel periodo che va dal 16 novembre 2020 al31 gennaio 2021.

Per tale ragione è necessario ricordare che i periodi di integrazione precedentemente richiesti e autorizzati ai sensi del D.L. n. 104/2020, collocati, anche parzialmente, in periodi successivi al 15 novembre 2020 sono imputati, ove autorizzati, alle sei settimane.

MISURA DELL’ESONERO CONTRIBUTIVO

L’importo dell’agevolazione è pari alla contribuzione piena a carico del datore di lavoro non versata in relazione alle ore di fruizione degli ammortizzatori sociali nel mese giugno 2020. L’ammontare dell’esonero così determinato costituisce l’importo massimo riconoscibile ai fini dell’agevolazione.

Tale importo può essere fruito, fino al 31 gennaio 2021, per un periodo massimo di quattro settimane e deve essere riparametrato e applicato su base mensile.

L’importo dell’agevolazione può essere fruito nei limiti della contribuzione previdenziale dovuta, per le medesime matricole per le quali si è fruito degli ammortizzatori sociali nel mese giugno 2020.

CONDIZIONI PER ACCEDERE ALL’ESONERO CONTRIBUTIVO

Si ricorda che il diritto alla legittima fruizione dell’esonero contributivo è subordinato al rispetto delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro e dell’assicurazione obbligatoria dei lavoratori e da taluni presupposti specificamente previsti dal D.L. n. 137/2020.

In particolare, per quanto riguarda il rispetto delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro e dell’assicurazione obbligatoria dei lavoratori, l’esonero contributivo di cui si tratta è subordinato al rispetto di quanto previsto dall’articolo 1, comma 1175, della legge n. 296/2006, ossia:

  • regolarità degli obblighi di contribuzione previdenziale, ai sensi della normativa in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC);
  • assenza di violazioni delle norme fondamentali a tutela delle condizioni di lavoro e rispetto degli altri obblighi di legge;
  • rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali, nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, sottoscritti dalle OO.SS. dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

Con specifico riferimento alle condizioni previste dal D.L. n. 137/2020, si fa presente che, anche ai fini della legittima fruizione dell’esonero, il datore di lavoro deve attenersi al divieto di licenziamenti collettivi e individuali per giustificato motivo oggettivo.

Sede legale e operativa: via A. Volta, 23 - 31030 Casier (TV)  0422 633.882  0422 633.881  commerciale@hunext.com 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi