Nel marzo 2020, come molte altre aziende, anche noi di Hunext abbiamo iniziato a lavorare da remoto. Quando la pandemia ci ha imposto di ripensare e riorganizzare le modalità operative per continuare a offrire la qualità e l’efficienza dei nostri servizi in sicurezza, ci siamo attivati subito per capire quale fosse la strada giusta da percorrere.

Oggi, a distanza di quasi due anni, abbiamo scelto di continuare a utilizzare questa modalità di lavoro indipendentemente dall’emergenza sanitaria.

Abbiamo voluto raccogliere l’esperienza di alcuni nostri collaboratori e del nostro CEO sullo Smart Working. Ci teniamo a raccontarvi dall’interno come questa scelta abbia impattato sulla vita di chi lavora in azienda e sull’azienda stessa.

Cinzia P., Administration Finance&Control Specialist

“Lavorare da casa ha avuto un impatto positivo sia sul mio lavoro, che sulla qualità della mia vita personale. Promuovo a pieni voti questa modalità. Svolgendo un lavoro che richiede molta concentrazione, riuscire a lavorare in un ambiente senza distrazioni è l’ideale. L’azienda ci ha fornito tutta la strumentazione necessaria per farlo nel migliore dei modi, come fossimo in sede: computer portatile, stampante/toner e software per comunicare. Nel mio caso lavorare da remoto mi ha dato l’opportunità di ottimizzare alcuni processi diminuendo così la carta stampata, anche una volta rientrati in azienda. Dal punto di vista personale invece ho potuto apprezzare il fatto di avere maggior tempo libero, la possibilità di trascorrere più tempo all’aria aperta e di organizzare al meglio le mie attività quotidiane. Questo significa migliore qualità della vita, che compensa anche la mancanza del rapporto diretto con i colleghi, con cui comunque non perdo mai il contatto grazie alle chiamate e alla messaggistica.”

Andrea C., Software Developer

“Quando si parla di lavoro da remoto i due elementi necessari, dal mio punto di vista, sono: strumenti adeguati e spazio dedicato. Nel nostro caso, per quanto riguarda le tecnologie necessarie, ci è stata fornita tutta la strumentazione aziendale per operare. Un altro aspetto da non sottovalutare è la comunicazione asincrona perché ci spinge a utilizzare processi consolidati che consentono di portare a termine alcune attività senza la continua assistenza di colleghi e responsabili. Questo permette anche un miglioramento della professionalità del singolo, agevolando il funzionamento dell’intera struttura. Il dialogo con i colleghi, tuttavia, non può essere esclusivamente asincrono, pena il rischio di lavorare in maniera scoordinata. Concordare delle fasce orarie di reperibilità diventa quindi la soluzione che consente di confrontarsi con i colleghi senza interrompere continuamente il loro lavoro. Per quanto riguarda la mia esperienza, posso dire che questo tipo di lavoro può creare qualche difficoltà all’inizio, in fase di avvio, in cui si paga lo scotto della novità, e nei lunghi periodi – penso per esempio ai primi mesi di pandemia. Il rischio è infatti che si crei distacco fra i membri del team. Per questo il lavoro da remoto e il lavoro in azienda devono essere portati avanti in forma ibrida per poter costituire la formula vincente.”

Marco Bortolin, Chief Technology Officer

“Coordinando un team di sette persone, sei delle quali utilizzano lo smart working, e praticandolo io stesso, la mia esperienza è leggermente diversa rispetto a quella dei miei colleghi. Raggiungo l’ufficio uno o due giorni a settimana per tutte quelle attività che necessitano di utilizzare strumenti interni, per le riunioni che decidiamo di fare in presenza e anche per poter bere un caffè insieme ai colleghi. Coordinare un team di sviluppatori software da remoto è anche più semplice che in presenza. Ad esempio, un miglioramento che abbiamo notato lavorando da remoto è stato nella gestione di riunioni e stand up meeting quotidiani. Siamo tutti più puntuali, se qualche collaboratore è in visita da clienti riesce a collegarsi facilmente, non siamo ostacolati o rallentati da problemi organizzativi quali sale riunioni occupate né da problemi tecnici che possono sorgere come ad esempio l’utilizzo del proiettore. Tornare indietro sarebbe davvero difficile, tuttavia l’ipotesi di lavorare esclusivamente da remoto è da escludere per evitare di generare problemi dal punto di vista umano. Ad esempio, si rischia di lasciare indietro le persone più giovani in azienda che hanno ancora bisogno di essere guidate. Diverso è il caso per gli sviluppatori esperti che, raggiunto un certo grado di autonomia, possono lavorare ancora meglio nella tranquillità della propria casa.”

Mauro Badalin, CEO

“Lavorare da casa ha rappresentato per noi il tipico esempio in cui un problema diventa un’opportunità. All’inizio una scelta obbligata a causa della pandemia, ma che ci ha permesso di sperimentare una modalità di lavoro che abbiamo fatto diventare uno strumento a disposizione per i collaboratori volto al miglioramento dell’equilibrio vita-lavoro. L’utilizzo di questa modalità di lavoro è stato agevolato anche dalla sua regolamentazione, abbiamo infatti introdotto una integrazione apposita al nostro Regolamento Aziendale.
Decidere di mantenere questa possibilità anche quando non più obbligatoria ci consente da un lato di andare incontro alle esigenze personali dei nostri collaboratori in modo da trattenere i talenti già presenti in azienda, dall’altro di poter attrarne di nuovi adeguandoci alle esigenze dettate dal mercato del lavoro di oggi. Intendiamoci, i vantaggi non sono solo per il dipendente che, per esempio, riduce il tempo degli spostamenti casa-lavoro, ma anche per l’azienda che interpreta questa modalità in ottica win-win. Come azienda, crediamo che questo metodo, che richiede fiducia e flessibilità da parte dei responsabili, coinvolga e responsabilizzi maggiormente il personale. Per quanto riguarda l’organizzazione vera e propria, dal punto di vista strumentale abbiamo dotato sin dall’inizio tutti i collaboratori delle tecnologie necessarie a svolgere il proprio lavoro e soprattutto a farlo in sicurezza, per proteggere tutti i dati che trattiamo quotidianamente. A livello di applicazione, abbiamo reso semplice la richiesta dello smart working attraverso il nostro portale Ufficio Web per offrire flessibilità, pur mantenendo degli appuntamenti fissi in sede. Attualmente i collaboratori possono scegliere di lavorare due giorni alla settimana da casa. Questo ci consente di organizzare più facilmente gli incontri, quando necessari, e di evitare uno sfilacciamento fisiologico delle relazioni tra colleghi. Infatti, per alcune Unità Organizzative, come per esempio Software Development, sarebbe possibile lavorare anche totalmente da remoto. Il rischio concreto sul lungo termine, però, è quello di perdere la percezione di far parte di un’azienda e di eseguire le proprie attività come se fossero calate dall’alto da entità astratte. La presenza in azienda, il confronto faccia a faccia, è ancora a parer mio un elemento imprescindibile per favorire la costruzione della cultura aziendale. Nel complesso l’esperienza si sta rivelando, giorno dopo giorno, positiva sia in termini di performance – non abbiamo mai dovuto sopperire a mancanze o ritardi di consegna a causa della diversa sede da cui abbiamo svolto il lavoro-, sia dal punto di vista umano e personale. È un’esperienza che rappresenta una sfida di miglioramento continuo, specialmente dal punto di vista organizzativo, per quel che mi riguarda. Non avere tutti i colleghi con cui potersi confrontare quotidianamente ci ha reso più precisi e puntuali nel nostro modo di rapportarci e una volta usciti dall’emergenza siamo certi che non sarà difficile trovare il giusto equilibrio tra lavoro da remoto e lavoro in presenza, sfruttando al meglio i nostri spazi e ritornando a promuovere attività di gruppo, uscite e cene per rafforzare i rapporti. Perché l’identità di una azienda passa anche e soprattutto da questo.”

Sede legale e operativa: via A. Volta, 23 - 31030 Casier (TV)  0422 633.882  0422 633.881  commerciale@hunext.com 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi