Domenica 20 e lunedì 21 settembre p.v. si terrà il referendum costituzionale confermativo e le elezioni amministrative, di seguito riassumiamo il trattamento economico e normativo spettante ai lavoratori che adempiono alle funzioni elettorali.

Le operazioni elettorali saranno strutturate come segue:

  • nel pomeriggio di sabato 19 settembre si svolgerà l’attività di costituzione dei seggi, di preparazione e autenticazione delle schede;
  • domenica 20 settembre si svolgeranno le operazioni di voto dalle ore 7.00 alle ore 23.00;
  • lunedì 21 settembre si svolgeranno le operazioni di voto dalle ore 7.00 alle ore 15.00;
  • immediatamente dopo la chiusura dei seggi si terranno le operazioni di scrutinio per il referendum;
  • alle ore 9.00 di martedì 22 settembre avrà inizio lo scrutinio per le elezioni amministrative.

Tutti i lavoratori dipendenti nominati presidente, vicepresidente, segretario o scrutatore di seggio, rappresentante di lista, rappresentante di gruppo hanno il diritto di assentarsi dal lavoro per il periodo corrispondente alla durata delle operazioni sopra elencate. I giorni di assenza dal lavoro per svolgere le operazioni elettorali sono considerati, a tutti gli effetti, giorni di attività lavorativa.

In considerazione di ciò, il trattamento economico che deve essere riservato ai lavoratori dipendenti che svolgono dette funzioni è il seguente:

  • per le giornate lavorative (di norma il lunedì ed eventualmente il sabato se l’azienda non adotta la settimana corta): il dipendente ha diritto al trattamento economico che gli sarebbe spettato in caso di effettiva prestazione lavorativa
  • per le giornate festive e non lavorative (di norma la domenica ed il sabato in caso di settimana corta): il dipendente ha diritto ad una giornata di retribuzione aggiuntiva; in alternativa, ha diritto ad un riposo compensativo con modalità di fruizione da concordare tra datore di lavoro e lavoratore.

Si precisa che in caso di godimento del riposo compensativo la Corte Costituzionale si è espressa nel senso che lo stesso debba avere carattere di immediatezza (sentenza n. 452/1991).

Se lo svolgimento delle operazioni elettorali copre una sola parte della giornata, l’assenza è legittimata per tutto il giorno lavorativo che, quindi, deve essere retribuito interamente (Cassazione n. 8400 del 12 giugno 2002 e n. 11830 del 19 settembre 2001).

I lavoratori che vogliono usufruire dei permessi elettorali dovranno inviare una comunicazione preventiva al proprio datore di lavoro e presentare:

  • il certificato di chiamata inviato dal competente ufficio elettorale, prima delle operazioni elettorali;
  • la copia di questo certificato firmata dal presidente di seggio, con l’indicazione delle giornate di effettiva presenza al seggio e l’orario di inizio e chiusura delle operazioni, dopo le operazioni elettorali.

Sede legale e operativa: via A. Volta, 23 - 31030 Casier (TV)  0422 633.882  0422 633.881  commerciale@hunext.com 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi