Il 21 settembre u.s. è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del D.L. n.115/2022 (c.d. decreto aiuti-bis).

Con tale norma, in vigore dallo stesso giorno della sua pubblicazione, è stato prorogato fino al 31 dicembre 2022 il diritto al lavoro agile per i genitori di figli minori di 14 anni e per i lavoratori fragili.

Con riferimento a tali categorie di lavoratori si ricorda che il diritto allo Smart Working spetta:

  • ai genitori lavoratori dipendenti del settore privato che hanno almeno un figlio minore di anni 14, a condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa o che non vi sia genitore non lavoratore, a condizione che il lavoro agile sia compatibile con le caratteristiche della prestazione.
  • ai lavoratori fragili, cioè in possesso di certificazione attestante una condizione di rischio derivante da immunodepressione o da esiti da patologie oncologiche o dallo svolgimento di relative terapie salvavita o ai lavoratori affetti da disabilità con connotazione di gravità ( ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della L. 5 febbraio 1992, n. 104);

Inoltre, la richiamata legge di conversione ha prorogato per il settore privato fino al 31 dicembre 2022 anche le modalità semplificate per l’attivazione del lavoro agile.

Pertanto, fino a tale data è stata reintrodotta la possibilità di ricorrere al lavoro agile senza necessità di accordi individuali. Inoltre, la comunicazione telematica al Ministero del lavoro potrà essere ancora effettuata in modalità massiva.

Per completezza si ricorda che la modalità semplificata di attivazione dello Smart Working era scaduta il 31 agosto e che dal 1° settembre si è tornati quindi al regime ordinario, che prevede imprescindibilmente l’accordo individuale scritto con il lavoratore. 

Sempre da settembre è stato eliminato l’obbligo di trasmissione telematica dell’accordo individuale sul sito del Ministero del Lavoro e, con il D.M. n. 149/2022 del 22 agosto, è stato messo a disposizione un modulo da utilizzare e le relative istruzioni. Il Ministero del Lavoro è, tuttavia, intervenuto il 26 agosto con un comunicato con il quale ha disposto che il termine per effettuare le comunicazioni deve ritenersi quello di cinque giorni dall’inizio della prestazione in modalità agile, ma che in sede di prima applicazione delle nuove modalità l’obbligo della comunicazione potrà essere assolto entro il 1° novembre 2022.

Si segnala, pertanto, che, a seguito dell’entrata in vigore della legge di conversione del decreto Aiuti-bis, fino al 31 dicembre 2022 coesisteranno due modalità di avvio del lavoro agile: quello ordinario (con le modifiche recate dal decreto Semplificazioni) che prevede l’accordo individuale e quello emergenziale che lo trascura.

Sede legale e operativa: via A. Volta, 23 - 31030 Casier (TV)  0422 633.882  0422 633.881  commerciale@hunext.com 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi